top of page
100 Funk Grooves

ANTEPRIMA IN INGLESE - LINK

ANTEPRIMA IN ITALIANO - LINK
VERSIONE PDF IN INGLESE - LINK
VERSIONE PDF IN ITALIANO - LINK

*Per la versione cartacea, puoi cercare il libro su Amazon del tuo paese, oppure sul sito lulu.com

VERSIONE CARTACEO ITA - LINK

PAPER VERSION ENGLISH - LINK

Ho deciso di scrivere questo libro in quanto, quasi sempre, in quelli che ho acquistato negli anni, diciamo sullo stesso “stile”, non ho mai trovato la spiegazione di ciò che veniva proposto. Mi potevo limitare, quindi, a impararmi delle frasi di basso, dei fills, dei groove, senza realmente capirne il senso. Perchè venivano suonate certe note? Perchè certi elementi ritmici funzionavano benissimo? Su quale accordi erano “pensate” le linee di basso? Che scale o arpeggi, o sostituzioni, venivano utilizzate e perchè? 

Queste, ogni volta, erano solo alcune delle tantissime domande che mi facevo dopo aver imparato “a pappagallo” i vari esempi proposti.

Altra cosa, secondo me invece fondamentale, in tutti i libri che ho acquistato io, c’erano gli esempi audio, ma non le backing tracks senza basso per poter suonare e studiare nel modo migliore.

Come per quasi tutti gli altri miei libri didattici allora ho pensato: “Perchè non scriverne uno, esattamente come avrei voluto che fossero stati quelli che acquistavo io anni fa”?

Il titolo è un pò generico, perchè in realtà non viene trattato solo il Funk, ma anche tanti stili musicali simili di varie epoche diverse, e, inoltre, molte linee di basso prendono inspirazione dai più grandi bassisti della storia di questi generi musicali.

Alcuni esempi: Francis “Rocco” Prestia, Louis Johnson, Jerry Jemmot, Bernard Edwards, Paul Jackson, Chuck Rainey, Flea, James Jamerson, Pino Palladino, Jaco Pastorius, Alain Caron, Donald “Duck” Dunn, Nathan Watts, Alphonso Johnson, Verdine White e molti altri! 

Ogni groove proposto viene quindi analizzato ritmicamente e armonicamente, e, appunto, ho cercato di far capire il perchè dell’utilizzo di determinate scale, arpeggi, sostituzioni, note “out” e note “in” ecc, ecc. Tantissimi esempi vengono proposti in due tonalità, per darvi l’imput a suonare ogni cosa studiata, in più tonalità possibile. Tutti i groove proposti hanno, in allegato, l’esempio audio registrato da me stesso a velocità originale, lo stesso esempio a velocità dimezzata, backing track e loop di batteria. Ci saranno anche dei video allegati, che vi indicherò più avanti. Lo scopo PRINCIPALE di questo libro, è quello di farvi prendere spunto dai miei esempi per comporre le vostre linee di basso. Cercate di capire e interiorizzare ogni singolo elemento proposto, per creare il vostro “vocabolario” musicale, e divertitevi a modificare le mie linee con il vostro “gusto”, e , piano piano, a creare le vostre. Non limitatevi a leggere le tab e a cercare i risuonare quello che ho fattto io, questo potrebbe farvi comodo solo a livello “tecnico”, ma lo scopo non è questo. 

Gli esempi proposti non hanno un ordine di nessun tipo (difficoltà, epoca, stile o altro), proprio perchè vorrei mantenere alto il vostro interesse fino all’ultimo groove, e perchè, la difficoltà di una determinata linea di basso, è soggettiva!

Buono studio ragazzi, Igor!

SCEGLI LA TUA LINGUA!

bottom of page